A MILANO LA MOSTRA DI LJUBODRAG ANDRIC

22/07/2016

A MILANO LA MOSTRA DI LJUBODRAG ANDRIC

Ljubodrag Andric, fotografo di fama internazionale, presenta una selezione delle sue opere in Triennale a Milano (3 agosto - 24 settembre). “Ljubodrag Andric - Works 2008-2016” è il titolo della mostra di 14 fotografie che hanno per oggetto paesaggi, muri, facciate e interni di edifici antichi e moderni.

L’esposizione del fotografo - belgradese di nascita, ma che da una quindicina d’anni vive a Toronto in Canada - è caratterizzata dall’assenza di immagini della figura umana e da un impianto formale che, nonostante l’attenzione per il dettaglio realistico, trova le sue matrici nell’astrazione geometrica e in quella materica.

Una delle quattordici fotografie presenti alla mostra di Ljudobrag Andric alla Triennale di Milano (3 agosto - 24 settembre)

 

Ciò che caratterizza l’opera di Andric è la qualità tattile dell’immagine, che rimanda alla tecnica dell’affresco. I luoghi fotografati sono privi di monumentalità e lo scopo dell’opera è neutralizzare la narrazione legata al contesto e al tempo storico di appartenenza. Le sue opere sono incentrate sul concetto di limite invalicabile (il muro), di vuoto (gli interni) e di assenza (la vita senza l’essere umano).

La mostra è curata da Demetrio Paparoni, il quale nel testo introduttivo alla monografia edita da Skira, scrive: “Il lavoro di Andric si potrebbe suddividere in cicli connotati, non dal luogo, ma dai modelli formali che ricorrono nella mente del fotografo secondo uno schema che richiama quello dei quadri astratto-geometrici o minimalisti. L’architettura di queste fotografie è infatti costruita attraverso l’utilizzo di geometrie modulari, di volta in volta distribuite nello spazio o accostate in modo da ottenere varianti dello stesso tema”.

In continuità con l´iniziativa alla Triennale, Ljubodrag Andric presenterà alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia (26 agosto - 2 ottobre), la mostra Consonanze, che verrà inaugurata il prossimo 25 agosto.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: