ALPI+GAMPER AL LONDON DESIGN FESTIVAL

05/09/2019

ALPI+GAMPER AL LONDON DESIGN FESTIVAL
L´installazione di Alpi e Gamper al London Design Festival

Dopo la collaborazione allo scorso FuoriSalone, Alpi, azienda che produce superfici decorative in legno compostoe il designer Martino Gamper tornano a lavorare insieme in occasione del London Design Festival, in programma dal 14 al 22 settembre a King’s Cross. Alpi sarà presente all’appuntamento londinese con un’installazione site-specific, Disco Carbonara, progettata dal designer italiano.

L’installazione è stata concepita da Gamper come una giocosa porta di accesso temporanea al nuovo polo commerciale Coal Drops Yard.

Per rivestire l’intera struttura - lunga dieci metri e alta otto - il designer ha scelto il ligneo di recupero Alpi. Si tratta di una finta facciata colorata, che evoca in maniera del tutto inedita gli ambienti vivaci delle discoteche.

Selezionando elementi di scarto, non più impiegabili nella produzione, Gamper rivela il suo modus operandi di decostruzione e ri-contestualizzazione dell’esistente, con l’obiettivo di restituire nuova vita e valore a un materiale dimenticato per esplorarne le straordinarie potenzialità.

Accostamenti di tonalità cromatiche e texture variegate danno forma a una composizione geometrica fortemente scenografica, che svela l’inconsueto linguaggio espressivo del designer e la sua poetica immaginativa. 

L’installazione mette in scena il sottile confine tra ciò che vediamo e ciò che si nasconde dietro l’apparenza.

Il progetto trae infatti ispirazione dalla leggenda del Villaggio Potëmkin, un villaggio fittizio in cartapesta fatto costruire dal principe Grigorij Aleksandrovič Potëmkin, nei territori conquistati in Crimea, per impressionare l’amante Caterina II di Russia durante un viaggio nel 1787.

Disco Carbonara è una ulteriore riprova della sinergia tra Alpi e il mondo del progetto, nella quale viene raccontata la bellezza del legno e svelata la sua ampia libertà estetica e progettuale.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: