IL LEONE D´ORO ALLA COREA

08/06/2014

IL LEONE D´ORO ALLA COREA
Il curatore del Padiglione della Corea Minsuk Cho riceve il Leone d´Oro per il miglior Padiglione Nazionale della 14. Biennale Architettura. Alle sue spalle da sinistra Rem Koolhaas, il ministro Dario Franceschini e il presidente di Biennale Paolo Baratta (foto ©G. Zucchiatti)

Leone d’Oro per la migliore partecipazione nazionale di Fundamentals alla Corea. Meglio: alla penisola di Corea, vista anche attraverso l’obiettivo di Alessandro Belgiojoso, che insieme al team curatoriale documenta il percorso singolare, forzatamente divergente ma inevitabilmente ri-confluente, di una separazione che sopravvive anacronisticamente alla globalizzazione.

Prima della quale, a caratterizzare la seconda metà di quei cent’anni che Absorbing Modernity vuole ripercorrere, vi fu la polarizzazione della Guerra Fredda.

Se in genere la vista a volo d’uccello offre una prospettiva universalizzante che non entra troppo nel dettaglio, all’occhio di un corvo, che è il titolo scelto dal curatore Minsuk Cho per la mostra coreana, ispirandosi a un poema dell’architetto-poeta Yi Sang (1910-1937) risulta impossibile cogliere una visione d’insieme non solo dell’architettura della penisola ma dell’idea stessa di architettura.

I contributi documentano così una serie di episodi dove tutto si tiene, lo sviluppo informale e quello rigidamente pianificato, la monumentalità e lo squat, l’individuale e il collettivo.

Ma sono sempre episodi con una medesima origine culturale, il passato di un’entità che fino al 1949 ha condiviso più di mille anni di storia e di vita in comune.

Un’anomalia forzata da cui può forse nascere una narrazione alternativa dell’architettura ai tempi della (altrettanto forzata) uniformità globale? 

foto di Andrea Avezzù, courtesy la Biennale di Venezia