IL LEONE D´ORO ALLA COREA

08/06/2014

IL LEONE D´ORO ALLA COREA
Il curatore del Padiglione della Corea Minsuk Cho riceve il Leone d´Oro per il miglior Padiglione Nazionale della 14. Biennale Architettura. Alle sue spalle da sinistra Rem Koolhaas, il ministro Dario Franceschini e il presidente di Biennale Paolo Baratta (foto ©G. Zucchiatti)

Leone d’Oro per la migliore partecipazione nazionale di Fundamentals alla Corea. Meglio: alla penisola di Corea, vista anche attraverso l’obiettivo di Alessandro Belgiojoso, che insieme al team curatoriale documenta il percorso singolare, forzatamente divergente ma inevitabilmente ri-confluente, di una separazione che sopravvive anacronisticamente alla globalizzazione.

Prima della quale, a caratterizzare la seconda metà di quei cent’anni che Absorbing Modernity vuole ripercorrere, vi fu la polarizzazione della Guerra Fredda.

Se in genere la vista a volo d’uccello offre una prospettiva universalizzante che non entra troppo nel dettaglio, all’occhio di un corvo, che è il titolo scelto dal curatore Minsuk Cho per la mostra coreana, ispirandosi a un poema dell’architetto-poeta Yi Sang (1910-1937) risulta impossibile cogliere una visione d’insieme non solo dell’architettura della penisola ma dell’idea stessa di architettura.

I contributi documentano così una serie di episodi dove tutto si tiene, lo sviluppo informale e quello rigidamente pianificato, la monumentalità e lo squat, l’individuale e il collettivo.

Ma sono sempre episodi con una medesima origine culturale, il passato di un’entità che fino al 1949 ha condiviso più di mille anni di storia e di vita in comune.

Un’anomalia forzata da cui può forse nascere una narrazione alternativa dell’architettura ai tempi della (altrettanto forzata) uniformità globale? 

foto di Andrea Avezzù, courtesy la Biennale di Venezia



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: