CLAUDIO SALMONI, IL SINDACO URBANISTA

13/02/2020

CLAUDIO SALMONI, IL SINDACO URBANISTA
Ancona dall´alto (foto CC Giacomus~commonswiki https://commons.wikimedia.org/wiki/File:AnkonPanorama.jpg)

Il 28 febbraio, a cento anni dalla nascita e cinquanta dalla morte, con una giornata di studi al ridotto del Teatro delle Muse Ancona ricorda il sindaco-urbanista Claudio Salmoni (1919-1970).

Intitolata “la politica del programma”, la giornata è organizzata dal Centro Studi per il Territorio e la Città, che da tempo opera per valorizzare eminenti figure della cultura e della politica nelle Marche. 

Il convegno prende il titolo dal libro che la casa editrice Il Lavoro Editoriale ha ri-editato a cura di Giorgio Mangani e Vittorio Salmoni e che sarà presentato il 28 febbraio: si tratta della raccolta dei quaderni partigiani, dei testi disciplinari e politici di Claudio elaborati durante la sua intera vita.

A partecipare al ricordo dell’ingegnere anconitano sarà una pluralità di voci: ai testimoni dell’epoca si uniranno infatti politici, studiosi e professionisti che restituiranno l’importanza dell’azione di Salmoni a distanza di mezzo secolo.

Tra i partecipanti, il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il Presidente del Consiglio Regionale Antonio Mastrovincenzo, il Sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, ex ministri ed esponenti del Partito Repubblicano Italiano come Giorgio La Malfa, Enzo Bianco, Giorgio Bogi, David Bogi, il sottosegretario al MISE Gian Paolo Manzella, il Rettore dell’Università Politecnica delle Marche Gian Luca Gregori, il Presidente dell’ISTAO-Istituto Adriano Olivetti Pietro Marcolini, Luca Zevi (Fondazione Bruno Zevi), Michele Talia, presidente dell’INU-Istituto Nazionale di Urbanistica, i presidenti degli Ordini degli architetti e degli ingegneri di Ancona.

Sindaco di Ancona dal 1965 al 1967, Claudio Salmoni promosse l’istituzione delle Regioni, contribuendo alla loro nascita con la creazione dell’ISSEM (Istituto di Studi Regionali per lo Sviluppo delle Marche), dell’Università di Ancona e dell’ISTAO.

la conferenza stampa di presentazione del convegno

 

Urbanista all’avanguardia, prima come dirigente del Comune di Ancona e poi come libero professionista (creò, con la sorella Paola, uno dei principali studi di urbanistica italiani) firmò progetti importanti per la città dorica come il Piano Regolatore, il Piano del Centro Storico, il nuovo volto del Passetto, le scuole elementari “Benincasa”, l’Ospedale Civile e la sede della Legione dei Carabinieri.

Partigiano, militante repubblicano, Salmoni univa attività politica e competenza disciplinare in una concezione democratica integrale del vivere civile, specchio di quel tentativo di programmazione dello sviluppo economico e sociale portato avanti da Ugo La Malfa, di cui Salmoni era considerato il braccio destro.

Quella di Claudio Salmoni diventa quindi una figura su cui riflettere, per recuperare quel connubio tra passione civile e competenza tecnica che ha caratterizzato le classi dirigenti della Ricostruzione e del miracolo economico italiano e marchigiano.

 

Il convegno è accreditato per i crediti formativi professionali presso gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Ancona.

Conferma di partecipazione a questo link: http://bit.ly/39wj6G4



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: