Concept per l’abitare sostenibile al MAXXI

01/07/2012

Concept per l’abitare sostenibile al MAXXI

In mostra fino al 29 luglio al MAXXI di Roma i 10 prototipi di casa ecologica monofamiliare scelti lo scorso ottobre tra i partecipanti al consulto informale promosso dal Ministero dell’Ambiente del precedente “governo” e dall’associazione Mecenate90. Tra questi anche nuEvo – nucleo Ecovillage organico (architetto Federico Pella, in collaborazione con Petra Seregni e Alessandra Puddu), tra i selezionati nella categoria Junior: un concept abitativo modulare che può portare allo sviluppo di EcoVillage, villaggi e quartieri auto-sostenibili, sia a livello funzionale che energetico, al fine di fornire un’offerta completamente diversa al mercato ed allo stile di vita corrente.

Con queste premesse, il modulo abitativo nuEvo è arredato con i complementi e gli oggetti d´arredo Lettera G, realizzati con materiali riciclabili.

Con icomplementi d’arredo’, Lettera G propone una ricercata linea di accessori per l’arredamento. Tra le creazioni del brand, che completeranno la struttura, si possono citare: l’imprevedibile Bookshape, per custodire i libri più preziosi; le sedute Moodern, dall’inconfondibile stile anni 50’, i tavolini ‘all’uncinetto’ Merlot, che grazie alla lavorazione a laser rivelano un sorprendente ‘effetto pizzo’ o le False Credenze, che reinventano il mobile classico per eccellenza in un arredo moderno e spiritoso, assolutamente pratico e originale.

Con i suoi ‘oggetti’, invece, Lettera G disegna e ripropone gli oggetti più semplici e quotidiani della nostra vita, attraverso forme e contenuti inediti, dai significati nuovi e più intensi, come l’Orol-ogio, orologio a parete per stringere il tempo in un angolo.

 

Sedute Moodern, di BBMds, 2012: sedute e spalliere in metacrilato laccato opaco e struttura in tubolare laccato nello stesso colore: un originale effetto monocromatico per rivisitare il look delle sedie da cucina degli Anni Cinquanta


 

False Credenze, di Habits, 2012: complementi -nella foto scrittorio da parete e sgabello- che reinventano il "classico". Bidimensionali e all´occorrenza tridimensionali, adatte quindi a spazi ridotti, in MDF laccato lucido e tessuto lavabile



  Il pizzo e inciso direttamente a laser sul piano in metallo dei tavolini Merlot, di Habits, 2012


 
Nell´orologio da parete in cartone vegetale teso Orol-ogio (Davide Radaelli, 2008) ore e minuti sono su quadranti separati


Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: