DE CASTELLI: METALLO TOTAL LOOK

18/09/2018

DE CASTELLI: METALLO TOTAL LOOK
Tela, tessuto metallico in rame ossidato nato dalla collaborazione con Paola Lenti

Per il terzo anno consecutivo De Castelli partecipa a Cersaie presentando nuove superfici metalliche per rivestimenti a parete e a pavimento nate dalle sperimentazioni dell’azienda di Crocetta del Montello.

Tra le novità di quest’anno Tela, un tessuto metallico in rame ossidato, e Glow, un intarsio optical composto da quadratini disallineati in ferro nero naturale e alluminio iridescente, entrambi nati dalla partnership tra Paola Lenti e De Castelli come soluzione per i rivestimenti a parete e per la creazione di divisori.

Tela, tessuto in rame ossidato per rivestimenti interni frutto della partnership tra Paola Lenti e De Castelli, particolare


Glow, intarsio optical composto da quadratini disallineati in ferro nero naturale e alluminio iridescente (con Paola Lenti)

 

Un altro rivestimento da parete è Circle Wall, progettato internamente, caratterizzato dalla scenografica sovrapposizione di moduli rotondi con l’abbinamento di diverse ossidazioni realizzate su ottone.

All’interno dello spazio espositivo presentata anche la collaborazione con Linvisibile, tramite l’installazione di una porta interamente rivestita dai metalli De Castelli.

Tutti i prodotti in stand sono valorizzati dal suggestivo pavimento Terraplus in terra cruda di Matteo Brioni. La collaborazione tra i due brand si esplicita anche nel progetto inedito Terraframe di Studio Irvine per l’allestimento dello stand Wall&Decò: di De Castelli le croci in rame naturale che danno ritmo alla superficie Terraplus creando un disegno geometrico e decorativo.

Circle Wall, rivestimento verticale formato dalla sovrapposizione di moduli rotondi con l’abbinamento di diverse ossidazioni realizzate su ottone.

 

 

De Castelli

 

Dai primi anni Duemila De Castelli, erede di un’esperienza di quattro generazioni di fabbri e artigiani maestri nella lavorazione del ferro, si afferma a livello internazionale per aver introdotto il design nella lavorazione del metallo, puntando a una produzione che unisce manualità, tecnologia e progettazione.

Nel 2015, con i grandi spazi disponibili nella nuova sede a Crocetta del Montello, ai componenti per l’interior e l’otdoor il fondatore Albino Celato affianca l’avvio di relazioni con architetti e progettisti per realizzazioni a grande scala, come l’Archimbuto di Cino Zucchi per il Padiglione Italia della Biennale di Architettura 2014.

Le collezioni De Castelli sono già state scelte da numerosi architetti per realizzazioni internazionali, in particolare nell’ambito del contract e dell’hôtellerie. Oltre che nella sede in provincia di Treviso, che all’officina affianca una vasta ‘materioteca’, è possibile mettere a punto soluzioni per progetti specifici presso il flagship store De Castelli in Corso Monforte a Milano e un secondo spazio aperto a Stoccolma alla fine del 2017.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: