La Stadtvilla ritrovata

07/09/2010

La Stadtvilla ritrovata
Il fronte d´ingresso verso la strada della palazzina residenziale urbana a Morbegno

Questo progetto reinterpreta magistralmente un tema dell´edilizia residenziale che, di fronte alla monotonia sviluppista fondata sulla proliferazione di condomini o di case unifamiliari, é passato purtroppo in secondo piano: quello della palazzina residenziale urbana. Il contesto in cui si colloca l´intervento é una cittadina delle Alpi lombarde, e l´area, nonostante la relativa prossimitá ai tessuti piú formalmente e storicamente consolidati, é caratterizzata da importanti discontinuitá, da spazi di risulta, dalla presenza di ampie aree a parcheggio, e strutture, come l´ospedale o la caserma dei carabinieri, che pongono il problema della gestione di importanti salti di scala. Un insieme di condizioni il cui riordino si basa sulla definizione di nuovi rapporti con situazioni morfologicamente disomogenee e qualitativamente compromesse.

Il progetto, rompendo ogni schema preconcetto, si confronta con la questione progettuale posta dal contesto definendo situazioni selettive di rapporto: enfatizzando la percezione di situazioni qualitativamente significative, come la visuale verso le Alpi, e ammortizzando situazioni di disturbo come la presenza del parcheggio o degli ingombranti e disordinati complessi edilizi presenti nell´area. Secondo le parole degli autori ?la casa senza finestre...questo il pensiero radicato nel paese....termine curioso per una casa che ha aperture molto piú ampie della media (e dei regolamenti) semplicemente non distribuite per disegnare la facciata ma per garantire privacy, luce corretta e scorci interessanti?.

I patio, posti a diversi livelli e pertanto ben rivelati dalla sezione dell´edificio, si sviluppano in sequenza e sono protetti da muri perimetrali. Si identificano sia nei giardini sia negli spazi aperti verso il cielo e il panorama in copertura e propongono un´interessante reinterpretazione di una tipologia non comune alla cultura costruttiva lombarda ed europea. Uno slittamento dei livelli dei volumi abitati di mt 1.50 permette un collegamento pedonale delle corti con i giardini privati. Il volume simmetrico e stereometrico dell´abitazione é caratterizzato dalla presenza di volumi imponenti ma incredibilmente leggeri, sospesi al di sopra del muro di cinta, come si puó vedere nella facciata di ingresso. Notevole infine la cura dei particolari, con persiane scorrevoli o apribili a basculante comprese entro il filo esterno della facciata e capaci di caratterizzare in modo mutevole l´aspetto dell´abitazione.

Palazzina residenziale urbana

Ubicazione Morbegno

Progetto act romegialli Architetto Gianmatteo Romegialli Collaboratori Arch. Simone AstricoStrutture Moncecchi associati-studio di ingegneria

Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: