Gli scultori di Villa Recalcati

30/05/2012

Gli scultori di Villa Recalcati
Maria Cristina Carlini, Giardini di pietra, 2008

Sede della Provincia di Varese, Villa Recalcati ospita dal 22 luglio al 26 agosto 2012 una mostra dedicata alla scultrice Maria Cristina Carlini. L’esposizione chiude il ciclo Scultori a Villa Recalcati curato da Flaminio Gualdoni e dedicato ad artisti legati al territorio di Varese per nascita e formazione, quali Gio’ Pomodoro, Giancarlo Sangregorio, Vittorio Tavernari, Nino Cassan e, unica donna, Maria Cristina Carlini. Nel parco e nelle sale interne della villa settecentesca saranno esposti numerosi inediti realizzati per l’evento e opere create fra il 2004 e il 2012 rappresentative della carriera artistica della scultrice.

Un percorso iniziato nei primi anni Settanta a Palo Alto, in California, con le prime opere realizzate in ceramica, per poi proseguire sperimentando l’utilizzo di diversi materiali quali il grès, il ferro, l’acciaio corten, il legno. Opere monumentali della scultrice sono collocate in permanenza presso i Musei Civici di Pesaro, l’Archivio Centrale dello Stato di Roma Eur, la Corte dei Conti di Milano, la nuova Fiera di Milano a Rho, a Parigi, in Cina a Pechino, Jinan, Tianjin e Shanghai, Sculpture Park e negli Stati Uniti a Denver e Miami. Il curatore Flaminio Gualdoni scrive nel catalogo della mostra: “Lo sguardo che l’artista chiede non è d’ammirazione e di meraviglia, e la condivisione, la partecipazione che ella innesca è una sorta di peer-to-peer individualissimo: lo sguardo del riguardante non padroneggiando più la totalità dell’opera, il rapporto che instaura è di esperienza complessa del luogo, a un grado forte di fisicità – il corpo della scultura riverberante la corporeità dell’autrice, il corpo dello spettatore, nello spazio unificante – che attiva picchi emotivi ad alto gradiente”.

 

 

 



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: 1 -