Sei esterni per una casa

28/09/2009

Sei esterni per una casa
Il progetto A.U.T. del gruppo Outuo, per l´ipotetica casa di Diego Abatantuono

Prendete un´abitazione borghese dei primi del ?900 con 1.000 mq di giardino collocata in un contesto urbano (il quartiere San Siro a Milano), immaginate una committenza e sviluppate un progetto di outdoor. Nella tesi finale dei 32 progettisti del terzo corso di alta formazione Outdoor Experience Design quella casa é diventata di volta in volta scuola d´infanzia, sede di un´associazione culturale, residenza del rampollo single della terza generazione della famiglia che l´ha costruita, locale di tendenza, luogo di lavoro, abitazione di un attore. Tre settimane di lavoro per organizzarsi in gruppi ? veri studi di progettazione on-the-fly ? lavorare sul progetto e preparare presentazioni argomentate e convincenti. Nella loro sostanziale diversitá, che esemplifica le infinite opportunitá che l´outdoor offre, le proposte sono accomunate non solo dalla loro qualitá ma da almeno tre elementi: l´outdoor non é il semplice orto/giardino; la sua progettazione, proprio perché richiede una profonda conoscenza delle specie vegetali ? delle loro caratteristiche e esigenze manutentive - non puó prescindere dal contesto; la crescente ibridazione di outdoor e indoor porta, per dirla con le parole di Arturo dell´Acqua Bellavitis, che del corso é direttore scientifico, a un open door che prefigura ambienti aperti e fluidi, in un continuum spazio-temporale che migliora la fruizione degli spazi.

Bosco Baloss

Immaginando come committente una scuola materna, al gruppo di progettazione Karota Verde é bastato osservare i desolanti giardinetti comunali per sapere cosa non fare. Le necessarie attivitá di gioco, scoperta, apprendimento e riposo trovano allora spazio in un´integrazione di elementi vegetali e artificiali: a un vero orto si affianca una collina dove binari nascosti permettono di far scorrere cespugli artificiali, mentre l´angolo del riposo é un bosco da Alice nel paese delle meraviglie con oggetti fuori scala e, da un´altra parte, setti e portali definiscono un´area di sperimentazione artistica.

Fuori Senso

Dall´attico della sede dell´associazione culturale committente del gruppo Onde le tende si agganciano al perimetro esterno a rappresentare l´aria e a proteggere l´area conversazione disseminata di arredi Slide e ombrelloni con illuminazione interna come costanzine fuori scala, mentre il fuoco caratterizza il secondo piano con il cor-ten di deCastelli che diventa scultura. Il gres brown che riveste l´ingresso rialzato é l´elemento terra dove trova spazio la sola specie vegetale ammessa, il bosso, che con la sua camaleontica predisposizione all´ars topiaria fa da quinta anche all´acqua negli spazi di relax Jacuzzi.

Il giovane Brambilla, erede dorato, single e viziato della famiglia milanese e della sua casa, predilige le relazioni sociali e la casa e il suo esterno devono diventare lo spazio dell´incontro e della festa. Per questo il gruppo Graess coopta l´unico agronomo che frequenta il corso: ricerche accurate definiscono cosí le specie che arricchiranno l´outdoor del Brambilla Space: ma solo in gigantografie fuori scala retroilluminate, giacché il verde ha i suoi inconvenienti e le orchidee non vivono a Milano. La pavimentazione Florim a imitazione del legno smaterializza il piano terra per raggiungere la quinta finale di carpini (veri) mentre una quinta d´acqua fonde e separa insieme il piano interrato e lo spazio esterno, estensione indispensabile quando gli ospiti sono piú di cinquanta.

Acqua come elemento progettuale e come ?prodotto? per lo store Fattidacqua, suggerimento neanche troppo sottinteso di Sottosopra: nella vasca a sfioro della zona evasione, che contiene ben quattro Jacuzzi, nei segni rigorosi che delimitano spazi e livelli del dehor e del ristorante, nelle colonne luminose dove sfida la gravitá. E materiali meravigliosi usati bene a definire uno spazio del lusso contemporaneo finalmente di buon gusto.

Con CTW di Dynamic Track invece la casa diventa un luogo di co-working aperto, flessibile e dinamico, facilitatore di incontri temporanei forieri di nuovi accordi e sinergie. Dal ?sotto? della reception/incontro al ?sopra? dello spazio ufficio vero e proprio, il verde viene interpretato e restituito in maniera sintetica e dunque a fare ombra sono icone di alberi, artificiali ma capaci di contenere le canaline per la rete elettrica e ethernet nonché un impianto di nebulizzazione in grado di raffrescare l´ambiente.

Ma se il committente fosse Diego Abatantuono, milanese eccezziunale? Allora la casa diventa A.U.T. e il gruppo Outuo non puó che ispirarsi al personaggio per progettare gli esterni, che svolgono funzioni di rappresentanza, relax, teatro, BBQ e pranzo, tra quinte verdi e protezioni tessili Pará che assicurano una fruizione prolungata degli spazi indipendente dalle condizioni atmosferiche.

Scheda

Outdoor Exterior Design

Corso di alta formazione di 120 ore riservato a 30 progettisti laureati

Prossima edizione: 12-30 luglio 2010

Organizzazione: POLI.design, via Durando 38/a, Milano

formazione@polidesign.net

Direzione scientifica: Arturo dell´Acqua Bellavitis

Direttore: Nicola R. Ticozzi

Coordinatore: Gianpietro Sacchi

Tutor: Barbara Bisconcini San Cristoforo; Marina Monteforte

Partner accademico: SUN (Fiere e comunicazioni, RiminiFiera)

Mostra: tutti i progetti saranno in mostra a SUN, 8-10 ottobre 2009, Rimini



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: 1 -