I VINCITORI DEL FIRM OF THE YEAR AWARD

08/08/2017

I VINCITORI DEL FIRM OF THE YEAR AWARD
Desai Chia Architecture, small firm of the year award in multi-disciplinary architecture, Casa sul lago Michigan, 2016

È Allford Hall Monaghan Morris di Londra l’Architectural Firm of the Year secondo il giudizio dei 32 componenti della giuria dell’American Architecture Prize, che ne ha dato l’annuncio a Los Angeles lo scorso 3 agosto insieme ai vincitori delle altre categorie: lo studio di Vancouver Pfs Studio per il landscape e urban design e Kossmann.dejong (Amsterdam) per l’interior design.

Architectural Firm of the Year 2017: Allford Hall Monaghan Morris. Nella foto: Adelaide Wharf, Londra 2007

 

Tra i vincitori delle 19 sotto-categorie in cui si articola il Firm of the Year Award figurano Desai Chia Architecture (New York, Small Firm of the Year Award in Multi-Disciplinary Architecture); Rob Mills Architecture & Interiors di Melbourne (Medium Firm of the Year Award in Residential Interior Design); Belzberg Architects di Santa Monica (Medium Firm of the Year Award in Residential Architecture); Chang Architects (Singapore, Small Firm of the Year Award in Residential Architecture); JGMA Juan Gabriel Moreno, di Chicago (Medium Firm of the Year Award in Institutional Architecture).

JGMA di Chicago Medium Firm of the Year Award in Institutional Architecture. Nella foto: l´edificio El Centro della Northeastern Illinois University di Chicago 

 

Tra i finalisti del Premio, a cui hanno partecipato studi da più di 40 nazioni nel mondo, erano stati scelti anche Studio Gang di Chicago, Studio Munge (Toronto), gli austriaci di Destilat e Gus Wüstemann Architects di Zurigo.

La premiazione ufficiale si svolgerà a New York il prossimo ottobre. 

Prodotto dall’American Architecture Prize, il Firm of the Year Award prende in considerazione l’intero portfolio degli studi di architettura partecipanti, le dimensioni, la specializzazione e le risorse degli studi di progettazione.

 

L´intervento di Pfs Studio, Firm of the Year Award per il landscape e urban design, a Confederation Square di Ottawa



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: