IL B30 DI KAAN ARCHITECTEN A L’AJA

27/04/2017

IL B30 DI KAAN ARCHITECTEN A L’AJA
L´atrio di ingresso della sala riunioni ministeriale al B30 dell´Aja, foto ©Karin-Borghouts

Lo studio Kaan Architecten di Rotterdam ha presentato il Bezuidenhoutseweg 30 (B30), la ristrutturazione per uffici inaugurata poche settimane fa di un grande edificio storico dell’Aja avviata dopo un concorso internazionale promosso dall’Agenzia governativa che si occupa dello sviluppo immobiliare statale vinto nel 2014 da un consorzio guidato da Facilicom in collaborazione con Braaksma & Roos Architectenbureau, Deerns, Pieters Bouwtechniek, RebelGroup e Kaan Architecten.

L’edificio ospita sotto lo stesso tetto cinque diversi uffici pubblici: le strutture indipendenti del governo olandese in materia economica, ambientale e infrastrutturale e gli uffici dell’autorità nazionale della privacy.

la facciata esterna dell’edificio oggetto dell’intervento di Kaan Architekten foto ©Karin-Borghouts

 

Costruito originariamente come ministero nel 1917 dall’allora architetto-capo del governo Daniel E. C. Knuttel in un periodo di austerità e rinnovato nel 1994 dal professore Hans Ruijssenaars, B30 è una struttura imponente con un marcato carattere architettonico ed è classificato come monumento nazionale nei Paesi Bassi.

L’edificio si trova nel centro de L’Aia, lungo l’area verde di Haagse Bos, e si erge sulla Bezuidenhoutseweg, un’arteria storica che connette il palazzo reale, l’Huis ten Bosch, con il parlamento olandese, l’Het Binnenhof.

Il progetto di Kaan Architecten, con la sua chiara architettura e distribuzione, trasforma un edificio chiuso e gerarchico in uno spazio aperto, trasparente e accogliente, in linea con gli standard di un ambiente lavorativo contemporaneo.

Sulla corte coperta dell´atrio centrale del B30 affacciano la maggior parte degli uffici foto ©Karin Borghouts

Grazie a un’analisi dettagliata, che ha permesso di identificare le qualità essenziali del progetto originale che sono state lo spunto del progetto, l’edificio storico non si percepisce più come un’opera museale inerte ma come parte integrante e fondamentale del disegno d’insieme.

Ben radicato nel tessuto urbano, nel paesaggio e nel contesto storico B30 presenta un piano terra pubblico accessibile e trasparente, che include un ristorante, una caffetteria, una biblioteca e alcune sale conferenza. Tutti i passaggi sono in connessione tra loro, creando così direttrici visive ad ampio spettro in tutto l’edificio, amplificando l’interazione con la strada e i giardini e semplificando l’orientamento e i percorsi.

dagli spazi comuni e dagli uffici al piano terra è possibile accedere all’area verde sul fronte sud-est dell’edificio foto ©Sebastian van Damme

 

Al centro dell’edificio il grande atrio diventa il cuore più riservato di B30. Qui l’artista l’olandese Rob Birza è stato chiamato a disegnare la trama del nuovo pavimento in mosaico, che ricorda un giardino astratto, dando così vita a un paesaggio interno in connessione visiva con il bosco cittadino e i nuovi giardini adiacenti l’edificio.

dettaglio e, sotto, disegno del mosaico della pavimentazione a terrazzo dell´atrio nella corte coperta, foto ©Karin Borghouts, disegno Rob Birza

 

Il progetto originario di Knuttel è stato ampliato su entrambi i lati: il seminar foyer presenta sale riunioni, sale conferenze e un auditorium nel piano interrato che si sviluppa lungo un’ampia vetrata, mentre il work foyer è caratterizzato da un’area lounge e di lavoro, una caffetteria e una biblioteca. Le partizioni dei foyer sono costituite da grandi porte girevoli vetrate, con cornici in alluminio anodizzato che si aprono verso i giardini.

Sia l’atrio sia i nuovi foyer sono coperti da una serie di lucernari che prendono a prestito il disegno dei cassettoni originali e si compongono di una base quadrata sormontata da un vetro triangolare. Tali elementi sono stati disposti in modo da ottenere una diffusione ottimale della luce naturale, evitando così il surriscaldamento.

gli uffici all’ultimo piano, illuminati dalle nuove aperture ricavate in copertura, foto ©Karin Borghouts

 

La scala monumentale conduce alla maestosa sala ministeriale al primo piano, mentre l’atrio connette visivamente i quattro piani superiori che ospitano gli uffici delle diverse istituzioni. Un nuovo piano di uffici è situato sopra la navata dell’edificio e si estende fino al tetto, la cui altezza è stata ridotta da 30 a 20 metri per migliorare la scala e le proporzioni del patio interno.

La facciata delle nuove integrazioni consiste in una struttura di cemento sabbiato riempito di pietra e un agente colorante che richiama la tonalità originale dell’edificio. Il cambio nelle relazioni gerarchiche e l’importanza del piano terra si traducono in facciata nell’aumento della dimensione delle vetrate: le aperture raggiungono lo zoccolo di pietra dell’edificio, permettendo di abbassare i davanzali delle finestre e di allungare gli stipiti.

ambienti interni conservati con l’integrazione di elementi illuminotecnici contemporanei. Sotto, il sistema di illuminazione progettato per la grande sala ministeriale (foto ©Karin Borghouts)

 

B30

Località Bezuidenhoutseweg 30, L’Aja, NL

Programma ambienti pubblici e sede per uffici di cinque agenzie governative

Cronologia 2012-2015 (progetto) 2015-2017 (realizzazione)

Slp 21.000 mq

Investimento 31 milioni di euro

Progettazione architettonica Kaan Architecten (Kees Kaan, Vincent Panhuysen, Dikkie Scipio)

Team di progetto Tjerk de Boer, Timo Cardol, Kevin Claus, Sebastian van Damme, Paolo Faleschini, Raluca Firicel, Cristina Gonzalo Cuairán, Walter Hoogerwerf, Marlon Jonkers, Hedwig van der Linden, Loes Martens, Marija Mateljan, Giuseppe Mazzaglia, Maurizio Papa, Ismael Planelles Naya, Christian Sluijmer, Koen van Tienen

Contractor Breijer Bouw & Installatie, Rotterdam

Consulenti

  • Costruzione Pieters Bouwtechniek, Delft
  • Restauro Braaksma & Roos Architectenbureau, The Hague
  • Installazioni tecniche Breijer Bouw & Installatie, Rotterdam
  • Ingegneria strutturale, antincendio e acustica Deerns, Rijswijk
  • Lighting design Studio Rublek, Schiphol
  • Disegno delk pavimento a mosaico Rob Birza (1962, Geldrop, NL)
  • Realizzazione a terrazzo del pavimento a mosaico Van der Zande Terrazzo en Mozaiek (Eric van der Zande and Marco Maarschalkerweerd)
  • Scalone monumentale e sistema illuminotecnico della sala ministeriale Jan Pauwels
  • Arredi in legno 13 Speciaal, Rotterdam

pianta piano terra

sezione trasversale

sezione longitudinale

l’evoluzione della copertura del grande edificio dell’Aja nel corso degli anni

 
 
 

KAAN ARCHITECTEN

 

Kaan Architecten nasce a Rotterdam nel 2014 quando Kees Kaan, Vincent Panhuysen e Dikkie Scipio, che guidano un team internazionale di architetti, architetti del paesaggio, urbanisti, ingegneri e graphic designer, lasciano la precedente comune esperienza di Claus en Kaan Architecten. Lo studio crede nel valore per il progetto del dibattito critico generato dall’incrocio di diverse discipline e nella costante evoluzione che la velocità del cambiamento richiede alla professione. Kaan Architecten opera alle diverse scale, dal design degli interni ai masterplan urbani. Dopo il B30 e l’edificio della Corte Suprema a L’Aja, completato nel 2016, lo studio è attualmente al lavoro su importanti progetti in Olanda, Francia, Belgio e Germania.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: