IL FUTURO DEL MONDO SARÀ RURALE?

02/12/2017

IL FUTURO DEL MONDO SARÀ RURALE?
Countryside: Future of the World, a collaboration between Guggenheim and AMO / Rem Koolhaas examines radical changes transforming the non-urban landscape opens Fall 2019. Nella foto di Pieternel van Velden: Pink Farm (Koppert Cress, The Netherlands 2011)

Sono anni che sentiamo ripetere che più della metà della popolazione vivrà nei grandi agglomerati urbani. Ma oltre a domandarci in quali condizioni, non ci chiediamo mai cosa stia accadendo invece al restante 98% della superficie terrestre.

Countryside: Future of the World è un progetto che nasce da una collaborazione tra il Guggenheim Museum di >New York e AMO, il think tank di Office for Metropolitan Architecture (OMA) che esplora i radicali cambiamenti che stanno investendo le aree rurali, allargando a una vasta esposizione pubblica, in programma per l’autunno del 2019, il lavoro avviato da Rem Koolhaas con gli studenti della Harvard Graduate School of Design.

Dopo decenni nei quali la progettualità architettonica e urbanistica si è concentrata sullo sviluppo delle aree metropolitane, i territori rurali sono stati ignorati e i cambiamenti che li investono – migrazioni di massa, cambiamenti climatici, sperimentazioni genetiche, agroindustria, politiche economiche e fiscali – del tutto inesplorati. Il progetto di ricerca e la mostra Countryside: Future of the World si concentrano su questa nuova frontiera

Countryside: Future of the World, a collaboration between Guggenheim and AMO / Rem Koolhaas examines radical changes transforming the non-urban landscape opens Fall 2019.

 

«Il fatto che più del 50% della popolazione mondiale viva nelle città è diventato una scusa per ignorare le aree rurali – afferma Rem Koolhaas – Sono stato a lungo affascinato dalla trasformazione delle città, ma ultimamente, avendo avuto modo di osservare più attentamente la campagna sono rimasto sorpreso dall’intensità dei cambiamenti che vi stanno avvenendo. La storia di queste trasformazioni è ampiamente taciuta ed è particolarmente significativo poterla presentare in uno dei più importanti musei del mondo e in una delle città più densamente popolate».

La mostra Countryside: Future of the World è organizzata da Troy Conrad Therrien, curatore delle iniziative di architettura e digitali del Guggenheim Museum, con Ashley Mendelsohn.

Countryside: Future of the World, a collaboration between Guggenheim and AMO / Rem Koolhaas examines radical changes transforming the non-urban landscape opens Fall 2019. Photo Mikhaylovich Prokudin-Gorsky c. 1909



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: