IL GRATTACIELO VERDE DI CRA E BIG PER SINGAPORE

24/05/2018

IL GRATTACIELO VERDE DI CRA E BIG PER SINGAPORE
Il giardino tropicale dell´Oasi verde del Central Business District di Singapore progettato da Carlo Ratti Associati e Bjarke Ingels Group (courtesy CRA)

Carlo Ratti Associati e Bjarke Ingels Group insieme per il progetto del Central Business District di Singapore, un grattacielo di 280 metri di altezza in cui il verde della natura tropicale si fonde con la moderna architettura della torre pluripiano. Una scelta, quella di realizzare un edificio alto immerso nel verde, che oltre a segnare lo skyline della città, risponde alla domanda odierna di qualità dei luoghi di vita e di lavoro.

La proposta progettuale di Ratti e Ingels è stata scelta dopo una selezione internazionale promossa da CapitaLand, una delle più importanti società asiatiche di real estate.

Render del futuro skyline del distretto finanziario di Singapore con la torre verde di CRA e BIG (courtesy RCA)

Il grattacielo di 51 piani, uno tra i più alti della città, che si colloca nel distretto finanziario di Singapore all’88 di Market Street e che nasce sulle ceneri di un vecchio edificio adibito a parcheggio realizzato negli anni Ottanta, è finanziato dalla joint venture formata da CapitaLand Limited, CapitaLand Commercial Trust e Mitsubishi Estate Co.

Render del grattacielo verde all´88 Market Street di Singapore. Gli elementi verticali della facciata si aprono per lasciare spazio alla vegetazione tropicale (courtesy RCA)

Oltre agli uffici, la nuova torre di Singapore, che avrà una superficie complessiva di 93 mila metri quadrati, ospiterà 299 unità abitative gestite da The Ascott Limited e una zona commerciale con annessa attività di ristorazione. 

La facciata dell’edificio sarà costituita da elementi verticali di accaio e vetro dai quali, a più livelli, spunterà la vegetazione tropicale: oasi verdi che si intrecciano con le linee ortogonali dell’edificio. 

Al piano terra il progetto prevede la realizzazione di un parco, sentieri nel verde rampicante, passaggi coperti che creeranno degli ingressi naturali in quella che è chiamata la City Room: uno spazio aperto di 19 metri di altezza posto ai piedi dell’edificio, in cui gli inquilini e gli impiegati saranno accolti in lobby separate, così come avviene anche per i clienti del centro commerciale e dei ristoranti entrambi collocati nel podio della torre. 

Render della City Room del Central Business District formato da sentieri nel verde e piante tropicali rampicanti (Courtesy RCA)

I primi otto piani del grattacielo sono destinati alle residenze e ai servizi delle stesse (palestra, vasche idromassaggio, percorso jogging, cucina e soggiorno comuni e spazi attrezzati per il barbecue). 

Nella parte centrale dell’edificio, tra gli uffici e le residenze, su quattro piani, è prevista un’oasi verde: un giardino tropicale all’aperto di 30 metri di altezza che consente agli ospiti di passeggiare, fare attività fisica, rilassarsi e assistere a spettacoli pubblici. L’oasi è collegata a una passeggiata botanica a spirale che permette di avere più punti di visuale, sia sul parco interno sia sulla città. Il giardino tropicale ospiterà un’altra palestra (questa volta nella giungla) e una caffetteria.

L´Oasi verde del Central Business District collocata, su quattro piani, nella parte centrale della torre tra gli uffici e le residenze (courtesy RCA)

Ventinove sono i piani che il progetto destina a uffici, che possono godere di una vista panoramica sul fiume e su Marina Bay. In questa zona della torre sono previsti degli spazi dedicati al fitness, alla cultura e agli eventi pubblici.

La zona verde esterna sarà dotata di una serie di soluzioni hi-tech per il lavoro e il tempo libero, mentre i sensori e le soluzioni IoT, di cui sarà dotata la torre, permetteranno agli inquilini di personalizzare la loro presenza all’interno del complesso. 

Al progetto hanno collaborato RSP Architects, Dragages Singapore, BIG Ideas e BIG Landscape. La fine dei lavori è prevista per il 2021.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: