IL MUSEO DOMESTICO IN GESSO DI GIORGIO ZAETTA

14/04/2018

IL MUSEO DOMESTICO IN GESSO DI GIORGIO ZAETTA

Tra le installazioni di House in Motion, l´esposizione-evento di Interni sotto i chiostri del cortile centrale dell’Università Statale, c’è anche .pico museo domestico, un cabinet in gesso per una singola opera d´arte, progettato dall´architetto Giorgio Zaetta in collaborazione con la galleria di arte contemporanea Zero e prodotto da Plasterego, marchio del made in Italy che affonda le sue radici nella tradizione artigianale del gesso.

Il concept prevede l’esposizione, a rotazione per 48 ore ciascuna, di tre opere di artisti contemporanei – Cally Spooner, Enzo Cucchi e Yuri Ancarani. 

«Stressando la materia gesso, ai propri limiti tecnici, grazie alle competenze tecnologiche di questa storica azienda – spiega Giorgio Zaetta - è nato un rivestimento tridimensionale a esagoni sfalsati capace di creare una texture continua assemblata a secco (come nella prefabbricazione)». Non più solo decorazioni e stucchi dunque, ma il gesso come nuovo materiale da rivestimento con affascinanti valenze architettoniche, giochi di luce e riflessi che conferiscono dinamismo all’installazione.

 

La morfologia del rivestimento in gesso prende le mosse da una visita all’Albergo Diurno Venezia a Milano, disegnato negli anni ´20 da Piero Portaluppi e ancor oggi intatto. La ricerca di Zaetta si è concentrata sulle superfici esistenti e in particolare sulle piastrelle esagonali che caratterizzano questo luogo ricco di fascino.

 

Giorgio Zaetta 

Nato a Feltre (BL), nel 1962, architetto allo IUAV, dopo un lungo sodalizio con lo studio di Luciano Bertoncini a Treviso, dove si è occupato di tutte le aree del design, dai mobili ai motocicli, orienta i suoi interessi verso l´arte contemporanea, una passione che ha fortemente influenzato il suo lavoro, di cui restano segni tangibili sia in arredi, sia in spazi espositivi e progetti di architetture di interni dominate dal vuoto e dalla luce.

zaettastudio, da lui fondato nel 2007 a Feltre, ha sviluppato un’ampia varietà di progetti, in Italia e all´estero;  nel disegno industriale un suo prodotto è stato segnalato per il Compasso d´Oro.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: