IN MOSTRA A VENEZIA LE NAVI DI BERENGO GARDIN

23/10/2015

IN MOSTRA A VENEZIA LE NAVI DI BERENGO GARDIN
foto ©Gianni Berengo Gardin-Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

Anche se non piace al sindaco di Venezia Brugnaro, che ne aveva impedito l’esposizione a Palazzo Ducale, la mostra fotografica Venezia e le Grandi Navi di Gianni Berengo Gardin, in collaborazione con Contrasto, approda ugualmente in Piazza San Marco, presso lo storico Negozio Olivetti oggi gestito dal FAI (Fondo Ambiente Italiano), in un allestimento leggero disegnato dall’architetto Alessandro Scandurra.

Curata da Alessandra Mauro di Fondazione Forma per la Fotografia, la mostra, già ospitata a Villa Necchi Campiglio a Milano nel 2014 e arricchita da altri fotogrammi, documenta il transito e l’impatto delle grandi navi da crociera nei loro “inchini” alla città lagunare.

 

foto ©Gianni Berengo Gardin-Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

Intento di Gianni Berengo Gardin, attraverso le sue fotografie in bianco e nero, è portare alla luce con occhio sensibile e critico i contrasti della realtà, della società e del paesaggio, rappresentandoli senza filtri o attenuazioni, nella loro cruda essenza. In particolare, documentare un flusso turistico crescente, insostenibile e ingovernato, risorsa economica irrinunciabile per Venezia che ne sta però compromettendo l’integrità e l’identità. Una testimonianza attraverso la quale il FAI auspica un approfondimento documentale e culturale che porti idee e modalità nuove per conciliare il turismo con i delicati equilibri ambientali e artistici di Venezia.

 

foto ©Gianni Berengo Gardin-Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

“Quello delle Grandi Navi e del turismo a Venezia sono temi fondamentali della città presente e soprattutto futura, e vanno inseriti al centro dell’attenzione e del dibattito politico non solo veneziano, ma anche nazionale e internazionale. 30 milioni di turisti che si riversano in una città di 57 mila abitanti e con un patrimonio culturale unico e straordinario ma fragile richiedono soluzioni compatibili con la tutela oltre che adatte a promuovere l´occupazione e lo sviluppo.”

Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

 

foto ©Gianni Berengo Gardin-Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: