LA BIENNALE DEL GIARDINO MEDITERRANEO

08/10/2017

LA BIENNALE DEL GIARDINO MEDITERRANEO

Prosegue fino al 21 ottobre il Radicepura Garden Festival di Giarre, promosso dalla Fondazione Radicepura.

Si tratta del il primo evento internazionale dedicato al garden design e all’architettura del paesaggio del Mediterraneo, che vede coinvolti giovani designer, istituzioni, imprese, grandi protagonisti del paesaggismo, dell’arte e dell’architettura. 

La Sicilia è la sede ideale di questa prima biennale dei giardini mediterranei: clima, suolo e acqua ai piedi dell’Etna consentono alla vegetazione – le specie esposte al Festival sono coltivate dal garden center Piante Faro – di esprimersi con maggiore vigore che altrove. Cuore del festival è la celebrazione del giardino nella sua valenza estetico-culturale.

la sede della Fondazione Radicepura (foto ©Matteo Carassale)

 

Quattro i garden designer che per questa prima edizione hanno allestito, nel parco botanico della Fondazione, altrettanti giardini site-specific di 150 mq ciascuno.

Il paesaggista francese Michel Péna guida i visitatori in un Jardin Parfumé, un giardino verticale per un’esperienza immersiva tra luce e vegetazione.

Evaporazione mediterranea è il giardino dell’italiano Stefano Passerotti, che con la metafora del tronco adagiato sull’acqua riflette sull’attuale situazione del Mediteraneo.

È un invito all’amicizia e alla fratellanza il progetto Amity della designer arabo-londinese Kamelia Bin Zaal, ispirato alla convivialità dei cortili arabi.

Il paesaggista inglese James Basson ricrea con Arethusa and Alpheus un collegamento ideale tra Sicilia e Grecia ripercorrendo il mito di Alfeo figlio di Oceano e della fonte/ninfa Aretusa che sgorga a Siracusa.

Altri sei giardini di 30/50 mq ciascuno sono stati invece realizzati da giovani paesaggisti provenienti da Spagna, Turchia, Italia, Francia e Uruguay selezionati tramite un bando internazionale.

foto ©Matteo Carassale

 

Dal 19 al 21 ottobre il festival di Giarre ospiterà gli Stati Generali del Vivaismo e del Paesaggismo.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: