LA SANIFICAZIONE DEI PAVIMENTI IN RESINA

08/05/2020

LA SANIFICAZIONE DEI PAVIMENTI IN RESINA

L’attenzione alla salubrità degli ambienti riguarda anche i pavimenti e la loro capacità di mantenere le caratteristiche igieniche nel tempo.

Pulizia, d’accordo, ma, laddove sia possibile e soprattutto nel caso di superfici cementizie o in resina, anche approfittando dell’inattività forzata e cogliendo l’occasione degli incentivi previsti dal Decreto ‘Cura Italia’, si può programmare un più radicale intervento di riqualificazione o un intervento mirato per il rinnovo di pavimenti preesistenti.

Secondo IPM Italia i pavimenti di uffici, laboratori, ambienti commerciali e della ristorazione, attività produttive in genere possono raggiungere un più alto grado di igiene e sicurezza, oltre a una migliore resa estetica facendo ricorso alla tecnologia IPM Sanix.

Sviluppato in origine per ambienti ospedalieri, IPM Sanix è un additivo che viene miscelato direttamente nel formulato resinoso al momento della sua produzione: per questo è possibile integrarlo nelle diverse tipologie di pavimentazione di IPM Italia. 

Una pavimentazione in resina additivata con IPM Sanix diventa una superficie igienica protetta da agenti esterni: la tecnologia alla base dell’additivo rende la superficie inattaccabile allo sviluppo di muffe e batteri, più semplice da pulire e manuteneree inalterabilenel tempoanche dopo un utilizzo prolungato e ripetuti lavaggie sanificazioni. 

Soprattutto, spiega Andrea Penati, direttore tecnico di IPM Italia, «IPM Sanix mantiene nel tempo la carica batterica delle superfici prossima allo 0% anche se continuamente utilizzate perché protegge le superfici dagli agenti esterni e dall’azione di microrganismi patogenicreando un ambiente ostile alla loro proliferazione».

Risultato di lunghe ricerche nella formulazione di prodotti innovativi, oltre a essere conforme alla normativa,  IPM Sanix possiede un livello di inibizione da contatto pari al 99.9%.

 

Glie effetti di una sanificazione condotta con soluzioni idroalcoliche o ipocloridriche condotta su una superficie cementizia standard (in alto) e su una superficie realizzata con tecnologia Sanix (sotto): carica batterica dopo n giorni dal lavaggio

 

____________________________________________________________________________________

 

Il Decreto “Cura Italia”incentiva la sanificazione degli ambienti di lavoro quale misura del contenimento del contagio da Covid-19 mediante il riconoscimento di un credito d’imposta. Ne possono beneficiare i titolari di attività d’impresa, artigianale o professionale, con sede legale e/o unità operativa in Italia. 

L’agevolazione assumerà la forma di un credito d’imposta, riconosciuto per il periodo d’imposta 2020, pari al 50% delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 20.000,00.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: