LA TRIENNALE RICORDA TOMÁS MALDONADO

21/01/2019

LA TRIENNALE RICORDA TOMÁS MALDONADO
Tomás Maldonado nel 2008 in una foto di Carlo Orsi

Venerdì 25 gennaio alle 18la Triennale di Milano ricorda Tomás Maldonado (Buenos Aires 25 aprile 1922, Milano 26 novembre 2018) con un reading di testi e riflessioni sui temi che hanno contraddistinto la ricerca e la carriera di formatore, filosofo, designer e artista del maestro argentino.

Ne parleranno, con letture di passi dei suoi testi, Medardo Chiapponi, Giovanna Anceschi, Raimonda Riccini, Giacinto Di Pietrantonio, Marco Sammicheli e Stefano Boeri. 

La commemorazione, curata da Stefano Boeri e Raimonda Riccini, prevede interventi di intellettuali, docenti e curatori che a partire da importanti libri e pubblicazioni del professore – di cui leggeranno alcuni passi – condivideranno una riflessione sulla visione progettuale e filosofica elaborata da Maldonado.

Nel 2009 la Triennale di Milano aveva dedicato a Maldonado una mostra che, per la prima volta in Italia, ne documentava la poliedrica attività di artista, progettista, teorico del disegno industriale, educatore e studioso della cultura tecnica e della comunicazione.

Tomás Maldonado, Anello ibrido (2006) foto di Andrea Melzi

 

Dopo gli studi all’Accademia di Belle Arti di Buenos Aires e la sua partecipazione all’avanguardia artistica argentina, nel 1954 Tomás Maldonado si trasferì in Germania, prima come docente e in seguito come rettore della Hochschule für Gestaltung di Ulm.

Dal 1967 al 1969 assunse, come consulente, lo sviluppo dell´immagine coordinata del Gruppo Rinascente-Upim-Sma, stabilendosi definitivamente nel nostro Paese, dove dal 1984 al 1987 fu professore ordinario di progettazione ambientale al Politecnico di Milano.

Direttore di Casabella dal 1977 al 1981 e Compasso d’Oro alla carriera nel 1998, tra le sue opere teoriche ricordiamo La speranza progettuale (1970); Avanguardia e razionalità (1974); Disegno industriale: un riesame (1976 e 1991); Il futuro della modernità (1987);Cultura, democrazia, ambiente (1990); Che cos’è un intellettuale.Avventure e disavventure di un ruolo (1995); Critica della ragioneinformatica (1997); Hacia una RacionalidadEcológica (1999);Memoria e Conoscenza. Sulle sorti del sapere nellaprospettiva digitale (2005).



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: