LE NOVITÀ DI SUPERSTUDIO

29/03/2017

LE NOVITÀ DI SUPERSTUDIO

17.000 metri quadrati di spazi espositivi e 130mila visitatori nel 2016. Poi, progetti a tema, installazioni museali, padiglioni nazionali, mostre indipendenti e collettive, grandi aziende e giovani startup, self-design e autori indipendenti.

Tutto questo è SuperstudioPiù, il luogo iconico del design a Milano ideato più di quindici anni fa da Gisella Borioli.

Quest’anno in via Tortona tornano gli appuntamenti più ambiti: le installazioni Temporary Museum, l’eclettico Materials Village, le Gallery, le Parade con proposte di grande impatto e, infine, la novità di un nuovo padiglione interamente dedicato alle Smart City.

Il Temporary Museum ospita LG che è presente con un artwork futuristico curato dall’artista e designer Tokujin Yoshioka, mentre i vetri giapponesi di Agc Asahi Glass, in collaborazione con Jin Kuramoto e lo studio londinese Raw-Edges, emozionano lo spettatore proponendo Touch, un vetro da toccare creato con un materiale espressivo.

 

Nello spazio Time to Color!, Yokohama Makers Village  presenta l’ultima collezione Flower/Metal, con tableaux di vasi di design in stile giapponese che mostrano l’armonia nata dall’incontro di materiali antagonisti e valorizzano i colori dei fiori, mentre Sunbrella, specialista di tessuti da esterno, mette in scena le ultime colorate proposte e una mega installazione che accoglierà i visitatori all’ingresso del corpo centrale di Superstudio firmata dall’artista e fotografo francese Charles Pétillon.

Slide, leader della produzione di arredi luminosi stampati con la tecnica della moulded rotation, presenta, a cura di Roberto Paoli, l’installazione Color Pop, uno scenario dove il colore è protagonista assoluto. Radici Contract, produttore di moquette made in Italy, rinnova la sua collezione con colori a effetti speciali. Dresswall, infine, è un sistema costruttivo evoluto che permette di realizzare elementi di comunicazione luminosi e leggeri.

Spazio anche al design che proviene dalle università e da quelle polacche in particolare. Da anni la Polonia si è infatti affermata come un’interessante fucina di autori e aziende: un intero padiglione è dedicato al Polish Design. Tomorrow is Today è la prima mostra collettiva, che offre uno sguardo sul futuro del design polacco grazie alla partecipazione di otto università statali. Il progetto è a cura di Dorota Koziara e la mostra è organizzata da Academy Design Center di Lódź. 

Anche l’università giapponese Keio conduce una ricerca sulle necessità e sulle esigenze di vita pratica e quotidiana con soluzioni ad avanzata tecnologia, presentate in una installazione interattiva curata da Manabu Tago.

Il Materials Village, villaggio indipendente installato nell’Art Garden di Superstudio, presenta il meglio dell’innovazione dei materiali a cura di Material ConneXion, un format green e ricco d’incontri speciali. Importante novità di quest’anno, la mostra-evento New Materials for a Smart City che offre ai visitatori della Design Week milanese una panoramica sulle frontiere dell’innovazione materiale per la creazione della smart city.

 

All’ingresso di Superstudio Più, nella piazza dell’Arte, l’installazione dello Studio Patricia Urquiola per 3M, sull´importanza di preservare le memorie per il futuro attraverso l´unione di architettura, design e la magia dei materiali.

Nel campo della tecnologia, Dassault Systèmes presenta lo studio del futuro, soluzioni all’avanguardia per il design creativo e la progettazione d’interni, per abbozzare nuove idee di prodotti direttamente in 3D su un tablet e visualizzarle immediatamente con rendering fotorealistici in un ambiente virtuale interattivo. Gore-Tex utilizza invece la realtà virtuale per comunicare la duttilità e il confort del materiale: ogni visitatore vedrà formarsi su un Led wall in modo interattivo il proprio profilo colorato e un diverso skyline naturale.

Crescono di numero e in qualità le piccole aziende cui Superdesign offre la possibilità di esporre senza costi eccessivi.

Ponti Design Studio propone il paesaggio urbano di Hong Kong attraverso la metafora della finestra; StoneLab Design presenta l´inaspettata leggerezza del marmo con le creazioni di Stefano Pasotti e Dario Martinelli; Daard reinventa la valigia per i tempi moderni e budbrand la nostra quotidianità rendendo portatili gli oggetti apparentemente impossibili da trasportare.

Digital Habits, Osound


Stylegreen

 

A Discovering sono presenti i creativi del web, chiamati a partecipare alla collettiva con un invito sulla rete: un’occasione per presentare, con un solo oggetto, la loro arte e la loro creatività ed entrare in contatto con gli operatori del settore.

Discovering gode di una visibilità speciale su eBay, e-commerce partner del progetto, che darà l’opportunità ai designer di entrare nel mercato digitale e di superare i confini italiani attraverso una sezione a loro dedicata, nella quale saranno raccontati il progetto, le loro storie e saranno messi in vendita i loro oggetti.

Allo spazio Time to color! sono presenti le mostre di tre artisti-designer che eccellono per originalità e spessore delle loro creazioni, realizzate a mano e in pezzi unici o limited edition: Alessando Ciffo, che crea col silicone oggetti e arredi coloratissimi, trasparenti e delicati; Letizia Marino, che realizza superfici a spruzzi di colore con resine e acrilici stesi manualmente; Daniela Gerini che spazia dall’habitat all’abito, declinando la propria passione per il colore e per l’arte in sapienti pennellate sui tessuti.

Alessandro Ciffo



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: