MANNI GROUP, BILANCIO E REPORT AMBIENTALE 2018

28/05/2019

MANNI GROUP, BILANCIO E REPORT AMBIENTALE 2018
I vertici di Manni Group. Da sinistra Francesco Manni, presidente della holding, Giuseppe Manni, presidente Panfin e Enrico Frizzera, Ceo del Gruppo

Presentati la scorsa settimana dai vertici del gruppo industriale veronese, nel corso dell’assemblea annuale aperta, i risultati dell’esercizio 2018, anno caratterizzato dalla ricerca in campo tecnologico con l’apertura dell’Ufficio R&D e dal raggiungimento anticipato degli obiettivi di sostenibilità firmati nel 2016.

Più di 630 milioni di euro di fatturato, 1.127 dipendenti e investimenti per 12,3 milioni: i risultati di Manni Group si riconfermano positivi grazie alle attività delle 14 società operative che servono 78 Paesi e oltre 10.200 clienti.

In particolare la Business Unit Acciaio, Manni Sipre, leader europeo nella produzione di prodotti lunghi e piani in acciaio, chiude l’esercizio 2018 – un anno ancora caratterizzato dal permanere di una situazione di forte contrazione del settore dell’edilizia industriale, principale mercato di sbocco per i prodotti e servizi della Sipre – con un fatturato di 227.022.774 euro e un EBITDA di 3.759.403 euro. La quota di esportazioni è cresciuta del 20% rispetto al consuntivo 2017.

Manni Inox segna un altro esercizio molto positivo, crescendo in volumi e fatturato: 62.903.498 euro euro e un EBITDA pari a 2.455.812 euro. Il risultato è frutto del posizionamento strategico nel campo della distribuzione al dettaglio e delle lavorazioni, nonostante il difficile contesto che ha caratterizzato tutto il 2018 a causa dell’introduzione di nuove e pesanti barriere all’importazione da Paesi extra UE. 

Manni Green Tech, la società costituita nel 2017, ha completato lo start-up organizzativo e avviato l’attività produttiva, firmando collaborazioni con importanti partner internazionali di alto livello nel settore delle costruzioni a secco, della progettazione e dell’interior design.

L´andamento della Business Unit Pannelli e quindi l´esercizio della subholding Isopan – che produce e commercializza panel sandwich con rivestimento metallico in Italia e all’estero – si è mantenuto stabile, con un fatturato pari a Euro 298.867.267 e un EBITDA di 14.702.609 euro.

Nel 2018 la Business Unit Energie Rinnovabili, concentrata sulla realizzazione di impianti fotovoltaici di grandi dimensioni, ha chiuso il primo Power Purchase Agreement (PPA) decennale in Italia, soluzione rivoluzionaria che rende competitivi i costi dell’energia prodotta da fonti rinnovabili con quella ottenuta da fonti fossili, in regime di grid parity. L’insieme delle attività di questa BU – che comprende società come Icom Engineering, Manni Energy e società di servizi per le controllate – ha generato un fatturato di 40.810.000euro.

Lo sviluppo della divisione R&D di Manni Group ha permesso a tutte le aziende di innovare i prodotti e i processi: i risultati più importanti sono arrivati dalla divisione pannelli isolanti, che ha visto l’introduzione di nuove tecnologie a favore della sostenibilità, di prodotti più performanti e di nuovi certificati internazionali.

L’impegno ambientale

Nel 2016 Manni Group assunse l’impegno di ridurre le emissioni a diretta responsabilità del 15% entro il 2021, obiettivo raggiunto con largo anticipo già nel 2017. Per questo, nel corso del 2018, Manni Group si è potuta confrontare con il Comitato Scientifico della Science Based Target Initiative, che guida le aziende nel fissare obiettivi di lungo termine di riduzione delle emissioni per mantenere il riscaldamento climatico entro i +2°C. Le indicazioni ottenute, unitamente all’esperienza maturata in questi anni, saranno utilizzate nel corso del biennio 2019-2020 da Manni Group per elaborare una nuova e ambiziosa strategia di riduzione che includa anche le emissioni lungo la catena di fornitura, con obiettivi rendicontabili di ampio respiro. 

Come sottolinea il Ceo di Manni Group, Enrico Frizzera: «Orientarsi verso un’economia sostenibile, nell’era dell’industria 4.0, ha declinazioni concrete. La sfida oggi è coniugare la velocità dell’evoluzione digitale e l’attenzione agli impatti ambientali con i traguardi di lungo termine». 

Il report di sostenibilità 2018 ‘Building a sustainable future’ documenta l’impegno del Gruppo in questa direzione.

A presentare alla platea i numeri dell’anno concluso e gli obiettivi per il prossimo futuro pubblicati nell’Annual Report 2018 è stato il consiglio direttivo Manni Group, composto da Giuseppe Manni, Presidente Panfin Srl, Francesco Manni, Presidente della Holding ed Enrico Frizzera, Ceo del Gruppo.

L´assemblea aperta di Manni Group che si è tenuta il 24 maggio scorso presso il Il Crowne Plaza Verona Fiere.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: