MESSNER MOUNTAIN MUSEUM CORONES

10/01/2014

MESSNER MOUNTAIN MUSEUM CORONES
Nel render, Ingresso del MMM (©Zaha Hadid Architects)

Zaha Hadid firma l’ultimo dei sei musei dedicati alla montagna dal grande esploratore altoatesino. Uno spazio espositivo che celebra la roccia dove è custodito, a 2275 metri di quota. “Una cordata a tre”. Così Reinhold Messner ha definito la sua collaborazione con lo studio di architettura Zaha Hadid e con Skirama Plan De Corones, la più grande stazione sciistica dell’Alto Adige, per la realizzazione del Messner Mountain Museum Corones. Dedicato alle grandi pareti rocciose e alla storia dell’arrampicata, considerata la disciplina più nobile dell’alpinismo, il museo porta a compimento il progetto che conta sei spazi espositivi in altrettante località alpine per celebrare la montagna in tutti i suoi aspetti.

Il disegno della sezione evidenzia gli spazi ricavati all´interno della montagna e il percorso discendente che conduce alla terrazza panoramica (©Zaha Hadid Architects)

La particolarità del nuovo museo, la cui apertura ufficiale è prevista per l´estate 2014, consiste in una combinazione unica tra la posizione panoramica a 2.275 metri s.l.m. e un impianto architettonico in gran parte interrato con aperture strategiche che offrono una vista a 240° sulle vette circostanti, dalle Alpi della Zillertal alle Dolomiti fino al ghiacciaio della Marmolada. Modellato in base alla morfologia della montagna su cui sorge, l’impianto architettonico prevede uno sviluppo prevalentemente sotterraneo articolato su livelli diversi, tanto che dei 1.000 mq di superficie previsti solo una minima parte richiede costruzioni fuori terra. Grazie a questa soluzione, l’edificio potrà godere durante tutto l’anno di una temperatura interna costante. L’atrio del museo è individuato e protetto da una volta di vetro aggettante che, simile a un frammento cristallizzato, sembra sorgere dalla roccia retrostante. Dal livello superiore dell’area d’ingresso che ospiterà le casse, un piccolo punto vendita e il guardaroba, un sistema di scale a cascata condurrà i visitatori ai tre livelli espositivi sottostanti e una rampa discendente connetterà le diverse quote creando volumi dinamici e comunicanti. Il cuore del museo consiste in un ambiente centrale destinato ad ospitare esposizioni temporanee, presentazioni e una collezione permanente di oggetti, immagini e attrezzi provenienti dall’archivio Messner.

Render degli interni (©Zaha Hadid Architects)

Il percorso discendente conduce inoltre a una terrazza panoramica esterna di circa 40 mq e una piccola sala per proiezioni a tema con una ventina di posti a sedere. La struttura è realizzata principalmente in cemento con elementi prefabbricati a intercapedine d’aria e l’orientamento delle aperture vetrate e della terrazza panoramica è stato studiato per garantire l’illuminazione naturale degli interni pur rispettando l’impostazione labirintica degli spazi nella roccia. La realizzazione del Messner Mountain Museum Corones rappresenta un caso esemplare di connubio tra cultura e sport in un impianto visitabile durante l’intero arco stagionale sciistico. Un primo passo in questo senso è stato già compiuto su Plan de Corones nel 2003 con la posa della Campana della pace Concordia 2000 al centro di una piattaforma panoramica.

Nel render, la terrazza panoramica del museo (©Zaha Hadid Architects)



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: