PRATO CENTRALE

11/01/2016

PRATO CENTRALE

Il comune di Prato ha indetto un concorso internazionale di architettura a procedura ristretta con preselezione per la progettazione di un parco di tre ettari nel cuore della città storica, nell’area dove sorgeva il vecchio Ospedale Misericordia e Dolce.

Il nuovo parco interpreta la necessità di creare, all’interno delle mura cittadine, uno spazio pubblico contemporaneo che, oltre ad assolvere alle funzioni basilari dei luoghi verdi, legate al relax, al tempo libero e al riequilibrio eco-biologico del centro città, conferisca un nuovo ruolo funzionale e strategico all’area e alle zone limitrofe, diventi d’interesse turistico e contribuisca allo sviluppo socio-economico del sito, attribuendo a Prato l’immagine della città della contemporaneità della Toscana.

Una giuria internazionale, composta da Bernard Tschumi (presidente della commissione), Michelle Provoost, Sébastien Marot, Roberto Zancan e Francesco Procopio, sceglierà, entro la fine di febbraio, 10 architetti finalisti che verranno invitati a partecipare al concorso di progettazione e, entro la fine di giugno, un vincitore a cui affidare il progetto definitivo ed esecutivo del Nuovo Parco Centrale di Prato. Al vincitore verrà consegnato un premio di 40mila euro mentre ai gruppi finalisti rimborsi da 13mila euro.

Alcune aree che saranno interessate dal progetto di costruzione del Nuovo Parco Centrale di Prato foto© Michela Brachi

 

Il progetto del nuovo parco prevede la creazione di un’area prevalentemente aperta, divisa in due lotti funzionali: il primo comprende la realizzazione delle aree verdi e quindi del parco e di un volume di 500 metri quadrati che contenga i servizi necessari al parco; il secondo prevede la realizzazione di altri fabbricati in circa 3.000 metri quadrati.

Per partecipare alla preselezione, è necessario inviare domanda di ammissione al concorso, curriculum e un dossier delle proprie opere all’Ufficio Protocollo del Comune di Prato entro il 15 febbraio 2016.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: