Prestazioni al top per le pompe di calore Robur

10/12/2012

Prestazioni al top per le pompe di calore Robur
Schema indicativo dell´impianto realizzato

RSE - Ricerca sul Sistema Energetico ha eseguito una serie di monitoraggi sulle unità di riscaldamento che utilizzano energie rinnovabili. Il lavoro, finanziato dal Fondo di Ricerca per il Sistema Elettrico nell’ambito dell’accordo di programma tra RSE e il Ministero dello Sviluppo Economico, ha confrontato le pompe di calore ad assorbimento Robur con altre pompe di calore elettriche. Il monitoraggio è stato effettuato su un impianto installato presso l’area produttiva Robur a Zingonia (BG), costituito da due pompe di calore aerotermiche ad assorbimento a metano e un gruppo modulare di caldaie a condensazione Robur per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Le pompe di calore utilizzate sono del tipo ad alta temperatura (max 65°C) per solo riscaldamento, particolarmente adatte nel retrofit di impianti a radiatori in edifici residenziali plurifamiliari e in ambito terziario e industriale.

Lo studio di RSE ha confermato le elevate prestazioni delle pompe di calore ad assorbimento. Stando allo studio, il G.U.E. (Gas Utilization Efficiency) medio stagionale è stato pari al 130 %, corrispondente a un PER (Primary Energy Ratio) di 1,2 comprensivo dei consumi elettrici (nell’inverno più freddo degli ultimi 27 anni). Questo livello di efficienza è stato garantito nonostante l’elevata temperatura di mandata richiesta dall’impianto, da 54 °C a 61 °C, prova di un possibile accoppiamento di questa tecnologia anche in impianti dotati di radiatori. Inoltre, anche durante i periodi caratterizzati da rigide temperature esterne le macchine hanno comunque garantito il servizio di riscaldamento con prestazioni sempre superiori a quelle di qualunque caldaia.

 

 



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: