Rinasce il barocco a Torino

24/01/2013

Rinasce il barocco a Torino
Particolare dello Scalone

Ideato dallo studio Building Engineering e realizzato lo scorso 2012 da Building SpA, The Number 6 è il progetto di ristrutturazione architettonica che ha riportato all’antico splendore Palazzo Valperga Galleani di Canelli di Barbaresco a Torino. Situato in via Alfieri, a pochi passi da piazza San Carlo, in passato dimora nobiliare, l’edificio barocco fu realizzato nel 1663 da Maurizio Valperga e ampliato nel 1781 da Michele Luigi Barberis, subendo nel corso del tempo profonde trasformazioni sia nella forma che nella destinazione d’uso. La ristrutturazione ha riguardato una superficie complessiva di circa 6.500 mq, comprendente cinque piani dello stabile più due piani ammezzati. Il progetto si è sviluppato in 3 fasi principali: innanzitutto, sono stati realizzati 36 box in un parcheggio interrato di 6 piani, intervento di alta ingegneria reso possibile da soluzioni tecnologiche d’avanguardia per garantire totale sicurezza sia in fase di costruzione che per la gestione e la movimentazione automatica dei veicoli, rispettando le preesistenze storiche.

L´atrio principale

 

I lavori sono proseguiti con il riordino delle facciate interne rimaneggiate, rese uniformi grazie all’inserimento dei balconi e al recupero dei serramenti esterni originali, e al recupero dello spazio comune della corte interna, valorizzata da installazioni permanenti a ambientazioni luminose curate dall’artista Richi Ferrero. Grande importanza è stata riservata al restauro degli ambienti tutelati dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Culturali del Piemonte, quali l’ingresso aulico con le sue volte decorate, le facciate su via XX Settembre e via Alfieri e il piano nobile, provati dal passare del tempo e da interventi non sempre affini e filologici. Frutto di un’accurata ricerca storica e del lavoro coordinato dalla Soprintendenza, l’intervento di restauro ha ridonato i colori e le atmosfere del ‘600 valorizzando lo Scalone e gli ambienti affrescati. Anche gli appartamenti hanno subito una rivisitazione degli spazi e un frazionamento che li ha resi adeguarli alle esigenze abitative contemporanee. Realizzati in metrature che vanno dai 60 mq ai 200 mq, gli appartamenti saranno personalizzabili in base alle necessità degli acquirenti attraverso l’unione di due o più unità.

Una delle sale affrescate.

 

Il palazzo ospita ora 36 appartamenti, 36 box auto interrati, una moderna beauty&SPA a servizio dei condomini e una palestra attrezzata. Affacciate sulle prospicienti vie Alfieri e via XX Settembre vi sono 3 unità commerciali oltre alla filiale torinese del Banco Popolare di Sondrio. L’intervento architettonico ha saputo riportare il Palazzo alle sue forme essenziali, evitando di compromettere l’aspetto storico originario e allo stesso tempo dotandolo di tutti gli impianti, infrastrutture e finiture necessarie alla funzionalità contemporanea. Comfort, sicurezza ed efficienza energetica sono garantiti dalla più moderna tecnologia domotica: una rete di comunicazione informatica interna gestisce e coordina la distribuzione dell’acqua, dell’elettricità, del segnale televisivo/satellitare, riscaldamento e condizionamento, sicurezza, contatti col personale e prenotazioni del centro benessere.

 

Mansarda dopo il restauro.


Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: