TORINO, A IOTTI+PAVARANI IL FEDERAL BUILDING

27/12/2018

TORINO, A IOTTI+PAVARANI IL FEDERAL BUILDING
Vista a volo d´uccello dell´area di intervento

Vincitore del concorso internazionale di architettura bandito dall´Agenzia del Demanio e programmato dalla Fondazione per l´architettura / Torino per trasformare la caserma Amione di Torino in una cittadella della Pubblica Amministrazione il progetto del raggruppamento composto da Paolo Iotti Marco Pavarani Architetti AssociatiF&M Ingegneria, che si aggiudica il primo premio di € 101.640.

Al termine dell’intervento l´ex caserma Amione di piazza Rivoli, edificio di 42.250 metri quadrati realizzato nel 1913 in stile Art Nouveau, diventerà un polo amministrativo territoriale, una cittadella della pubblica amministrazione che ospiterà fino a 2.000 funzionari, raggruppando uffici attualmente dislocati in immobili in affitto, con un risparmio complessivo di oltre 8 milioni di euro l´anno. Parallelamente si avvierà la realizzazione del Museo dell´Artiglieria nel Mastio della Cittadella e la ristrutturazione della caserma Dabormida che ospiterà uffici militari e una parte della collezione del museo dedicato alle armi.

Render del progetto vincitore: vista da Corso Lecce (©Iotti+Pavarani Architetti)


La giuria del concorso, presieduta dall’Ingegner Dario Di Girolamo quale rappresentante dell’Agenzia del Demanio, era composta dagli architetti Giacomo Leonardi, esperto in pianificazione e progettazione urbana,Luisa Papotti del MiBAC, esperta in storia dell´architettura/dell´urbanistica, Guendalina Salimei indicata dall´Ordine degli Architetti di Torino, esperta in progettazione paesaggistica, nonché dal magg. ing. Carmelo Maricchiolo, esperto in progettazione energetico-ambientale.

Il progetto vincitore, i 4 progetti finalisti – a ciascuno dei quali va un premio di € 10.890 – e quelli degli altri 20 candidati sono esposti in una mostra allestita al Castello del Valentino.

Sezione longitudinale del nuovo Federal Building di Torino (©Iotti+Pavarani)





Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: