TUTTO SUGLI IMPIANTI A LIVELLI

06/11/2014

TUTTO SUGLI IMPIANTI A LIVELLI

Per aiutare gli utenti a risparmiare con la domotica, la Federazione Nazionale Imprese Elettriche ed Elettroniche ANIE ha realizzato il freeboklet Impianti a livelli for dummies, strumento che si rivolge a chi, dovendo installare un nuovo impianto elettrico domestico oppure rinnovarlo, vuole sapere cosa può chiedere al suo installatore. Grazie alla tecnologia digitale, la domotica permette infatti di avere soluzioni impiantistiche sempre più personalizzate attraverso le interfacce multimediali di smartphone e tablet, la comunicazione audio/video e i controlli a distanza.

Il booklet è uno degli strumenti della nuova campagna di comunicazione presentata al SAIE di Bologna da ANIE, la Federazione che all’interno di Confindustria rappresenta le aziende dell’industria elettrotecnica ed elettronica italiana. Tra i nuovi materiali informativi ci sono anche un booklet destinato ai professionisti, ADV e dei video tutorial scaricabili gratuitamente dal sito web dedicato www.impiantialivelli.it, dalle pagine social di facebook, dal canale YouTube e dall’app dedicata, che contiene anche un test di autoverifica sul livello di impianto adatto alle proprie necessità.

Impianti a livelli è la classificazione prescritta dalla variante alla Norma CEI 64-8 che prevede tre differenti livelli con le regole da applicarsi agli impianti delle unità immobiliari ad uso residenziale. In particolare, il Livello 1 definisce la configurazione minima che deve avere un impianto perché possa essere considerato a norma, mentre i Livelli superiori 2 e 3 aumentano le prestazioni dell’impianto e quindi la sua fruibilità, adeguandolo alle necessità degli utenti e alla morfologia dell’habitat.

“Il successo della campagna di comunicazione del 2011 ci ha fatto capire che la gente ha voglia di sapere e di conoscere e quindi di scegliere consapevolmente – spiega Claudio Andrea Gemme, Presidente di ANIE Confindustria - Solo nell’ultimo anno più di 30.000 utenti hanno visitato il sito web www.impiantialivelli.it. In un momento in cui il mercato immobiliare affronta una dura crisi, non sarà inutile ribadire che su una casa di nuova costruzione il costo dell’impianto elettrico incide per il 2%, ma che con un investimento poco superiore al 3% si può installare un impianto domotico di base. Il corretto uso di questa tecnologia può portare le famiglie a risparmiare fino al 12% in consumi elettrici e fino al 26% sul sistema di riscaldamento. Negli ultimi venti anni in Italia sono state realizzate con il sistema domotico più di 300.000 case che corrispondono circa al 15% delle nuove abitazioni. Le aziende italiane, attraverso centri di ricerca e innovazione di altissimo livello, lavorano ogni giorno per migliorare la vita quotidiana delle persone. Ma il lavoro da fare è ancora tanto: secondo i dati Prosiel, gli impianti elettrici non a norma nelle case degli italiani sono ben 8 milioni, di cui il 95% si trova in abitazioni costruite prima del 1991.