URBANPROMO GREEN A VENEZIA

31/08/2018

URBANPROMO GREEN A VENEZIA
Il convegno Urbanpromo Green si svolgerà a palazzo Badoer, una delle sedi di Università Iuav a Venezia

Una due giorni incentrata sulle innovazioni che le politiche di sostenibilità generano nella pianificazione urbanistica e territoriale, nella progettazione urbana e architettonica, nelle tecniche costruttive e nella erogazione dei servizi urbani. Per il secondo anno consecutivo si tiene, il 20 e 21 settembre a Palazzo Badoer, sede della Scuola di Dottorato dell´Università Iuav di Venezia, Urbanpromo Green, il primo dei tre eventi annuali di Urbanpromo, organizzato dall´Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit.

L’appuntamento di quest´anno comprende 19 convegni e seminari di approfondimento tutti riconducibili ai temi cardine dell´evento: città sicure e sostenibili (ovvero la messa in sicurezza e l´efficienza energetica delle città e degli edifici), il verde infrastruttura delle città, la città e l´acqua, smart communities per smart cities (il ruolo delle innovazioni e della tecnologia nelle città) e sustainable mobility.

Nel corso della prima giornata del 20 settembre si svolgeranno i convegni su:

  • standard urbanistici (in un´ottica operativa con proposte di aggiornamento e revisione, in una direzione di attenzione alle criticità ambientali, del decreto interministeriale del 1968);
  • resilienza e pianificazione urbanistica;
  • rassegna di esperienze nell´ambito delle ciclovie nazionali con l´ambizione di costruire indirizzi di lavoro;
  • contratti di Fiume e paesaggio del Po;
  • un approfondimento sul progetto Prepair che nell´area medio padana si sta sviluppando per il miglioramento della qualità dell´aria;
  • città e sistema alimentare;
  • analisi del rendimento del sistema di ecobonus e conto termico con indicazione di possibili miglioramenti nella normativa (in collaborazione con Enea) con un focus sulle innovazioni nei materiali utilizzati nella progettazione;
  • riuso di spazi di uso pubblico e beni comuni;
  • proposte per la misurazione della qualità urbana delle aree verdi e degli spazi collettivi.

 

Nella seconda giornata, il 21 settembre, i convegni saranno su:

  • ruolo e presentazione di start up che operano innovando negli ambiti della sostenibilità, del sociale e dell´erogazione dei servizi urbani;
  • gestione dei rifiuti (con particolare attenzione alla raccolta differenziata nei centri storici e al recupero di materia e di energia dal trattamento degli stessi);
  • confronto e analisi delle normative che a più livelli riguardano il contenimento del consumo di suolo;
  • focus su mobilità e turismo lenti e valorizzazione del territorio lungo il fiume Po;
  • costruzioni e ristrutturazioni in legno con esame delle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni;
  • approfondimenti sul concetto di città-paesaggio e della serie di cambiamenti e innovazioni, tra cui quelli immateriali e di matrice tecnologica, che stanno cambiando l´urbanistica. 

In programma infine il convegno UPhD Green, dedicato alla ricerche condotte nell´ambito di dottorati in linea con l´approccio di Urbanpromo Green e un focus sul nuovo Piano Regionale dei Trasporti in Veneto. 

Urbanpromo Green si concluderà con la presentazione dei risultati dei diversi seminari e convegni in un´ottica di integrazione. L´obiettivo di fondo è cogliere indicazioni rilevanti per una coerente evoluzione delle normative statali e regionali e della concreta attività di pianificazione e progettazione, e quindi anche dei percorsi di formazione delle figure professionali a ciò funzionali.

Urbanpromo Green è promosso dall´Istituto Nazionale di Urbanistica e dall´Università Iuav di Venezia in collaborazione con l´Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Venezia e la Fondazione Ingegneri Veneziani

La partecipazione all´evento è gratuita, prevede il riconoscimento di crediti formativi e da settembre è possibile registrarsi online sul sito www.urbanpromo.it

Sempre sul sito www.urbanpromo.it sono disponibili il programma dettagliato e tutte le informazioni organizzative.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: