VENEZIA, L’ACCADEMIA DI BELLE ARTI HA UN NUOVO PRESIDENTE

16/09/2019

VENEZIA, L’ACCADEMIA DI BELLE ARTI HA UN NUOVO PRESIDENTE
La Casa degli Incurabili alle Zattere è una delle sedi dell´Accademia di Belle Arti di Venezia

Cambio ai vertici per l’Accademia di Belle Arti di Venezia che sceglie Fabio Moretti per la presidenza. Laureato in giurisprudenza, Master in organizzazione aziendale, Moretti (Verona, 1956), brillante avvocato di grandi imprese a livello nazionale e internazionale, coltiva da sempre una grande passione per il mondo dell’arte:  «La nomina a Presidente dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, per la quale ringrazio il ministro Fioramonti, mi onora. Metterò a disposizione dell´Accademia le mie cognizioni e la mia esperienza, muovendomi nel solco di quanto fatto dai miei predecessori e collaborando con il direttore professore La Bruna, del quale ho avuto modo di conoscere ed apprezzare lo straordinario lavoro ed i progetti innovativi», dichiara Moretti a pochi giorni dalla sua nomina.

L´avvocato Fabio Moretti è il nuovo presidente dell´Accademia di Belle Arti di Venezia

 

La giusta dose di tradizione e innovazione è la formula vincente dell’Accademia, che con questa nomina conferma l’obiettivo di voler crescere anche a livello internazionale, puntando sulle nuove generazioni di artisti che qui hanno la possibilità di respirare energia creativa e conoscenze uniche e preziose.

Si parla quindi di un progetto condiviso che vuole rinnovare e aumentare le occasioni d’incontro e studio in una città viva, unica nel mondo nel cui Dna da sempre si fondono la conoscenza e l´arte – creando nuove sinergie tra istituzioni, enti pubblici e privati.

Ad oggi l’Accademia ha all’attivo oltre 200 corsi e laboratori che coinvolgono quasi 1.400 studenti, di cui più di 360 stranieri.

 

Accademia di Belle Arti di Venezia

 

Fondata nel 1750, l’Accademia di Belle Arti di Venezia è una delle più antiche Accademie d’Italia. Il primo presidente fu Giambattista Tiepolo e, tra i molti artisti del passato e recenti che hanno dato il loro apporto all’istituzione, vanno ricordati Giambattista Piazzetta, Antonio Canova, Francesco Hayez fino ad Arturo Martini, Alberto Viani ed Emilio Vedova.

L’Accademia possiede un ingente patrimonio artistico e librario conservato nella Biblioteca e nell’Archivio storico, patrimonio recentemente informatizzato e reso fruibile a studiosi e giovani ricercatori. E’ composto da libri antichi, disegni e incisioni di grande rilevanza storico-artistica.

Per integrare e arricchire le attività di didattica e ricerca, l’Accademia organizza mostre e convegni, tesse costantemente scambi e collaborazioni con le altre realtà culturali veneziane e intrattiene rapporti con le più prestigiose università e istituzioni di alta cultura a livello nazionale e internazionale.

Oltre alla sede centrale di circa 8.000 mq nel complesso sansoviniano dell’ex Ospedale agli Incurabili, integralmente restaurato, l’Accademia dispone di spazi didattici sull’Isola di San Servolo e a Forte Marghera, e dello spazio espositivo, completamente ristrutturato, flessibile e climatizzato, del Magazzino del Sale 3.



Commenti



Nessun commento presente.


PAGINA: